Oggi pare che in italia sputino come funghi movimenti e simpatizzanti del fascismo

Il Fascismo per me è un qualcosa che ha lati chiari e lati scuri, ci sono tante cose positive e negative allo stesso tempo, come qualsiasi parte della storia, ma non avrei mai voluto vivere in quei anni perchè non mi piacciono le dittature, come alla maggioranza delle persone, anche se ritengo che la democrazia è imperfetta perchè da potere agli ignoranti e lo toglie a chi ha un metro di giudizio migliore (“più pane, meno tasse, più figli” è il tipico motto di chi vuole avere voti in democrazia). Ma se potessi osservare quel periodo in modo distaccato, come solo un osservatore onniscente mi piacerebbe (come del resto il periodo dell’antica roma).

Mi domando cosa si pensasse di grandi imperatori o dittatori del passato 70 anni dopo la loro morte , e dopo quanto il passato diventa storia e si può fare critica storica
possiamo noi oggi giudicare in modo oggettivo Stalin, Mussolini, Fidel Castro(che poi è ancora vivo) , e tutti i personaggi del 20esimo secolo?
chissà cosa pensavano i persiani 70 anni dopo la morte di Serse, o i popoli del mondo 70 anni dopo la morte di Attila o Gengis Khan. Qui in italia ancora non l’ho capito